Ufficio in casa: come creare e arredare una postazione di lavoro

Una guida pratica su come progettare un ufficio in casa, passo dopo passo.

Negli ultimi tempi avere uno spazio di lavoro in casa è diventato fondamentale, motivo del crescente interesse nel saper organizzare un home office.

La pandemia ha accelerato i tempi, ma una cosa è certa, in un modo o nell’altro, il remote working è qui per restare. Per questo, sin dai tempi del primo lockdown, molte persone hanno dovuto adattare un angolo delle proprie abitazioni per poter lavorare comodamente ed essere altrettanto produttivi come in ufficio.

L’ideale per raggiungere questo obiettivo è che lo spazio in cui si lavora sia una stanza differenziata dal resto, isolata e che trasmetta tranquillità. Tuttavia, realisticamente, non è un compito facile, oltre a non essere sempre possibile. Ci sono coloro che hanno dello spazio extra nelle loro case, per cui possono creare facilmente un ufficio in casa, ma quando lo spazio è limitato, questo compito diventa più complicato.

Per fortuna, oggi esistono soluzioni per tutti i tipi di immobili. Per cui, vogliamo darti alcuni suggerimenti, in modo che tu possa progettare lo spazio di lavoro perfetto per te.

Trova il posto migliore per creare il tuo angolo ufficio in casa

La prima cosa da fare consiste nel definire in quale punto della casa collocheremo l’area di lavoro. Come abbiamo accennato, l’ideale è che si trovi in una stanza separata, ma se lo spazio della tua casa non lo consente, non preoccuparti.

Pensa a un angolo o spazio tranquillo e riservato, lontano dalle aree comuni e non un luogo di passaggio. Non importa se è in soggiorno, sala da pranzo, cucina o camera da letto. L’importante è che ci sia abbastanza spazio e che ti permetta una certa separazione o isolamento dal resto della casa. Allora, quale stanza è migliore? Dipenderà da quante persone vivono in casa, dagli orari di lavoro, dalla routine quotidiana, ecc..

Per allestire un ufficio in casa è importante anche pensare a quanto spazio ti servirà per svolgere la tua attività professionale.

  • Utilizzi molti documenti cartacei?
  • Hai bisogno di librerie o scafali in cui riporli?
  • Ti basta un semplice laptop?
  • Utilizzi anche una tavoletta grafica?
  • Hai bisogno di un computer con un ampio monitor, o addirittura 2 monitor affiancati?
  • Ti occorre una stampante?

Come vedi, in base a come si svolge il nostro lavoro possiamo aver necessità di una scrivania più o meno grande, e talvolta anche altri arredi per gestire il tutto.

Inoltre, pensa anche ad una scenografia adatta. Per molti non sarà nella quotidianità, ma ormai tutti facciamo delle call per lavoro. Dunque, dobbiamo pensare a ciò che si vede dietro di noi. Una libreria va molto bene ed è anche molto professionale, ma cerchiamo di tenerla ordinata e abbelliamo i ripiani con qualche accessorio (oggetti, fiori, ecc..).

Arredare ufficio in casa

Come progettare un ufficio in casa, passo dopo passo

Una volta scelto in quale posizione della casa creerai il tuo home office, dovrai tener conto di alcuni aspetti importanti.

Meglio l’illuminazione naturale

Idealmente, la tua postazione di lavoro dovrebbe trovarsi il più vicino possibile a una finestra per sfruttare appieno la luce naturale. Ma sappiamo che, dato l’orientamento di molte abitazioni e la distribuzione degli spazi, questo non è sempre possibile.

In ogni caso, la nostra raccomandazione è che l’area di lavoro sia il più vicino possibile a una finestra. Non solo per la luce naturale, ma anche per i seguenti motivi:

  • Poter vedere l’esterno aiuta a far fluire la creatività e riposa gli occhi.
  • Puoi arieggiare l’ambiente di lavoro molto più facilmente, ideale soprattutto se fumi.

L’unico inconveniente potresti averlo se la strada su cui si affaccia la finestra è troppo trafficata, e dunque anche rumorosa.

Aggiungi punti luce ausiliari

Se non riesci a ottenere tutta la luce naturale che desideri o se l’area di lavoro è ancora troppo buia, puoi aggiungere più sorgenti di luce ausiliarie. Per fare ciò, devi prendere in considerazione la quantità e il tipo di luce ottimali per il tuo lavoro.

Ad esempio, se vuoi evitare i riflessi sullo schermo del computer per non affaticare gli occhi, posiziona delle lampade che emettano luce calda e indiretta. Se il tuo lavoro è manuale e consiste in scrivere, illustrare, ecc., una lampada da scrivania sarà la più consigliata nel tuo caso.

Scegli colori neutri o leggermente saturi

I colori sono in grado di influenzare le nostre emozioni e le nostre reazioni fisiologiche. Pertanto, quando si parla di come progettare un home office che favorisca la nostra produttività, la gamma di colori che scegliamo è molto importante. Tieni presente che trascorrerai molte ore in quella postazione.

Indipendentemente dalle tue preferenze personali, devi sapere che i toni chiari e leggermente saturi contribuiscono alla calma e che i toni chiari e neutri favoriscono la concentrazione. Al contrario, dovresti evitare le superfici scure o lucide, poiché riflettono la luce e aggravano l’affaticamento degli occhi.

E se temi che il tuo spazio di lavoro sia troppo noioso, puoi creare contrasti e mantenere l’armonia dei colori inserendo piccoli accessori e dettagli cromatici.

La sedia e il tavolo: una scelta decisiva

Lavorare per molte ore di seguito seduti può causare danni alla schiena, quindi la nostra raccomandazione è di scegliere un modello di sedia ergonomico, comodo e regolabile che si adatti bene alla parte bassa della schiena. Non lesinare o lasciarti trasportare dal design o dallo stile, altrimenti la tua salute ne risentirà.

Per quanto riguarda la scrivania, è consigliabile che sia abbastanza spaziosa da poter sostenere i polsi e gli avambracci, allungare e alzare le gambe. Se il tavolo è anche regolabile, alternare i periodi seduti e in piedi ti aiuterà ad allungare e muovere le gambe regolarmente.

Spazio di archiviazione per mantenere l’ordine

Il tuo spazio di lavoro dovrebbe essere sempre molto pulito e ordinato. Avere tutto ben organizzato aiuta ad ottimizzare il tempo, dato che hai tutto a portata di mano; e tenere a bada lo stress. Pertanto, pianifica bene gli elementi di archiviazione di cui avrai bisogno: mensole, armadietti, cassettiere, ecc..

E non solo. Accessori per posizionare penne, gomme, matite, graffette, taccuini, post-it, evidenziatori. Oltre a cartelle, schedari e altro, sono anche importanti per mantenere il tuo ufficio ordinato, organizzato e visivamente pulito.

Non dimenticare di dare un tocco personale al tuo ufficio in casa

Come abbiamo detto, la nostra postazione di lavoro potrebbe essere vista dalle persone con cui ci colleghiamo in video call, ma anche da chi ci viene a trovare a casa. Dunque, è bene tenere il nostro angolo di remote working sempre ordinato. Tuttavia, poiché vi trascorriamo molto tempo, possiamo anche renderlo più confortevole personalizzarlo secondo i nostri gusti e il nostro mood.

Se ti piacciono le piante, mettine alcune naturali o addirittura artificiali. Le piante rendono gli spazi più accoglienti. Ricorda che alcune piante depurano l’ambiente e lo rendono più sano; una soluzione perfetta se vivi in città. Posiziona oggetti speciali per te, come ricordi di viaggio, foto della tua famiglia e dei tuoi amici, dipinti o stampe che ti ispirano, ecc..

Tutti questi dettagli sono ciò che renderà il tuo spazio di lavoro speciale e unico.

Condividi