Ringhiere in ferro: tipologie e costi

Le ringhiere in ferro sono elementi indispensabili per la protezione di balconi, aggetti, scale, soppalchi, e altre soluzioni architettoniche che necessitano di un parapetto. Di seguito avremo modo di scoprire quali sono le diverse tipologie di ringhiere, i costi e quali accorgimenti adottare per la manutenzione.

Le ringhiere in ferro

Come abbiamo detto, si tratta di strutture necessarie ad evitare la caduta delle persone da tutti gli elementi architettonici sopraelevati. La funzione della ringhiera è dunque quella del parapetto, che può essere installata in ambienti interni ed esterni, e realizzata con lavorazioni differenti.

Tuttavia, rispetto al parapetto in muratura, la ringhiera in ferro può essere realizzata in diversi stili, per cui spesso riveste anche il ruolo di elemento decorativo. Inoltre, se confrontata con la classica muratura, la ringhiera in ferro presenta diversi vantaggi.

  • Luminosità. Una ringhiera a tutta balaustra ha un’esposizione totale alla luce del giorno, dunque il vano che protegge gode della massima luminosità diurna.
  • Stile. Come vedremo di seguito una ringhiera può essere realizzata in forme e stili diversi, che inevitabilmente andranno a valorizzare il prospetto e il vano in cui verranno inserite.
  • Personalizzabile. Anche un piccolo dettaglio, come il corrimano in legno, può rendere una ringhiera unica ed originale, soprattutto se la facciamo realizzare da un artigiano.
  • Manutenzione semplice e a costi accessibili. Se il ferro non è compromesso dalla ruggine è possibile rinnovare totalmente una ringhiera operando una sverniciatura, posando uno strato di antiruggine, nonché stendendo una o più mani di una vernice appropriata.

Ringhiere in ferro per esterni

Come abbiamo anticipato, le ringhiere in ferro sono indispensabili per proteggere balconi, verande, scale, pianerottoli, e aggetti vari. Le vediamo spesso sui prospetti degli edifici, e non sempre godono di ottima salute.

L’esposizione agli agenti atmosferici infatti, le rende molto vulnerabili e, se il metallo non viene trattato con i dovuti accorgimenti, in breve tempo possono rovinarsi.

I primi segni di vecchiaia di una ringhiera in ferro sono:

  • i punti di ruggine, che talvolta possono macchiare anche il pavimento o la parete a cui sono ancorate;
  • la vernice scrostata, significa che il manufatto non è stato realizzato a regola d’arte, ma con l’ausilio di materiali e vernici scadenti; il sole e gli sbalzi di termici fanno il resto.

Per i manufatti esterni si ricorre spesso alle ringhiere in ferro zincato. Ovvero, sul metallo viene applicata una protezione in zinco, per proteggerlo dalla corrosione.

In definitiva, il nostro consiglio è quello di rivolgervi sempre a professionisti, che possano consigliarvi la soluzione più adatta alle vostre esigenze. Inoltre, un operatore del mestiere può garantire un manufatto dalla lunga durata nel tempo, senza dover ricorrere troppo spesso a interventi conservativi.

Ringhiera in ferro zincato
Ringhiera in ferro zincato – SBC

Ringhiere in ferro per interni

Il loro utilizzo più comune è il coronamento di scale, pianerottoli, soppalchi. Rispetto alle ringhiere in ferro esterne sono di certo meno esposte agli agenti atmosferici. Tuttavia, anche in questo caso è bene che il manufatto sia realizzato a regola d’arte, per garantire una lunga durata nel tempo ed una manutenzione meno impegnativa.

Semmai, per gli interni, possiamo applicare inserti in materiali meno resistenti alle intemperie, come un corrimano in legno.

Sicurezza delle balaustre in ferro

Come abbiamo detto le ringhiere in ferro sono anzitutto dei sistemi di protezione contro la caduta accidentale verso il vuoto: di cose, animali o persone. Dunque, per garantire la sicurezza, le ringhiere devono essere realizzate rispettando specifiche indicazioni dimensionali.

I regolamenti locali potrebbero riportare disposizioni differenti, ad ogni modo l’Art. 8 del Decreto Ministeriale n. 236/89, stabilisce quanto segue:

  • Altezza minima del parapetto: 1 metro. La misura va presa in verticale partendo dal piano di calpestio sino al bordo superiore della ringhiera (corrimano, copertina).
  • Spazi vuoti inferiori ai 10 centimetri di diametro. Ovvero, tra gli elementi che compongono la ringhiera non devono esserci spazi che possano permettere il passaggio di una sfera del diametro superiore ai 10 cm.

Queste norme sono in vigore dal 1989 e si applicano a tutti gli edifici costruiti successivamente, e agli edifici oggetto di ristrutturazione. Se lo stabile presenta ringhiere con misure non corrispondenti alla nuova normativa, ma non necessita di una ristrutturazione, non vige l’obbligo dell’adeguamento.

Quale stile per la ringhiera in ferro?

Se il nostro immobile ha uno stile moderno è meglio puntare sulla semplicità, poiché il valore reale sarà conferito dalla qualità dei materiali e dalla modesta manutenzione richiesta, nonché da un prospetto sempre attuale. Questo non significa accontentarsi di semplici sbarre verticali, ma puntare su un manufatto con elementi decorativi dosati sapientemente può risultare una scelta equilibrata ed elegante.

Ringhiere in ferro moderne

Le nuove tendenze relative a ringhiere e balaustre suggeriscono un mix di materiali.

Tra i più gettonati vi sono sempre il ferro battuto, l’acciaio inox e il legno per la struttura. Mentre, per la tamponatura sono molto in voga il vetro e la lamiera con taglio laser.

Ringhiera in lamiera a taglio laser
Metalstyle – Ringhiera con tamponatura in lamiera a taglio laser

Ringhiere in ferro battuto

Si tratta di un elemento senza tempo che decora i prospetti di case e palazzi, molto presente nei paesi che si affacciano sul mediterraneo. La diffusione di questo ornamento è dovuta soprattutto alla semplice reperibilità del materiale e ai costi di lavorazione che un tempo erano più sostenibili.

Infatti, il ferro viene lavorato a caldo e battuto sino ad ottenere la forma desiderata. La maestria del fabbro è fondamentale e in molti riescono a realizzare vere e proprie opere d’arte.

Oggi, essendo un manufatto artigianale, le ringhiere in ferro battuto vengono commissionate soprattutto per la ristrutturazione di facciate di pregio o per edifici dallo stile classico e tradizionale.

Le ringhiere in ferro battuto hanno una lunga durata nel tempo e richiedono una manutenzione minima. Inoltre, valorizzano lo stabile dal punto di vista estetico.

Ringhiere in ferro battuto
Ringhiera in ferro battuto – Bussola In

Costo ringhiera in ferro

Naturalmente il prezzo di una ringhiera in ferro varia in base alla tipologia di materiale impiegato, dalla finitura e dalla lavorazione richiesta.

In linea generale, il costo di una ringhiera in ferro può variare tra i 50 € e i 250 € al metro lineare.

Photo credit copertina: Ringhiera Ferri Battuti Artistici

Condividi